10 Giugno 2020

La gestione strategica delle convenzioni assicurative dello studio dentistico

Quasi tutti gli studi lavorano con una o più convenzioni, trovandone, nel loro uso, vantaggi e svantaggi. Noto che molti tuoi colleghi a volte sono avviliti e confusi e si…

Quasi tutti gli studi lavorano con una o più convenzioni,
trovandone, nel loro uso, vantaggi e svantaggi.

Noto che molti tuoi colleghi a volte sono avviliti e confusi
e si sentono vittime di un sistema che è complicato.

Spesso è difficile capire se quello che si sta facendo è conveniente o meno

E questo mi dispiace molto perché ognuno di noi, dopo sacrifici e ore di duro lavoro,
dovrebbe essere soddisfatto di quello che ha fatto e non domandarsi se e cosa sta sbagliando.

Se in più con le convenzioni ci lavori tanto, servono spesso delle risorse umane
e di tempo da dedicare alla gestione di tutta la burocrazia che ci sta dietro,
a fronte di un ritorno esiguo o inesistente.

Mi sento di aggiungere che, oltre che esiguo o inesistente,
se gestito in maniera approssimativa è una remissione bella e buona.

Praticamente per ogni paziente che entra in studio stai perdendo soldi.

Ne vale la pena?

Voglio chiedere a te….si proprio a te, in tutta sincerità come gestisci
le convenzioni all’interno del tuo studio.

Non sono qui per giudicarti ma solo per capire se hai trovato una strada che ti soddisfa.

.

.

.

Strategie di colleghi nella gestione delle convenzioni odontoiatriche

Parlando con diversi tuoi colleghi nell’arco di questi anni ho notato che ognuno di loro
ha trovato e mette in atto una o più strategie per la loro gestione:

  1. Utilizzare materiali diversi per i pazienti in convenzione
  2. Dedicare meno tempo ai pazienti convenzionati
  3. Gestirli in ore del giorno che sono notoriamente difficili da piazzare
  4. Un mix di materiali e tempo

Ti riconosci in queste strategie?

Sii sincero, non c’è nulla da vergognarsi, bisogna pur farli quadrare in qualche modo i conti.

Ne usi delle altre? Se si, condividile pure rispondendo a questa mail.

.

.

.

Il mio punto di vista sulle convenzioni dei pazienti odontoiatrici

Rispetto alle strategie di cui ti ho parlato precedentemente
con alcuni punti mi trovo d’accordo e con altri assolutamente no.

Il disaccordo forte è sui primi due, cioè utilizzare materiale di minore qualità e,
come nel caso delle ablazioni, erogare terapie con tempistiche differenti rispetto al normale standard.

Ti è mai capitato di acquistare una cena su Groupon e rimanere deluso?

L’effetto è un pò quello.

A me una volta addirittura è capitato di trovare dei coupon di un noto ristorante di Castel Gandolfo
in cui andavo a mangiare a prezzo pieno, e dove tra l’altro si mangia benissimo, e di rimanere molto deluso.

Il pensiero è sempre quello, nessuno ti obbliga a stare su Groupon, e se lo fai
presumibilmente è perché hai bisogno di riempire il ristorante e acquisire nuovi clienti.

Ma se poi offri servizio e piatti scadenti l’unica cosa che produrrai sarà un effetto boomerang
dove non acquisirai clienti, perché quelli che ti hanno conosciuto in quel frangente non vorranno più venire a te e,
nei casi peggiori, parleranno male di te, quindi pubblicità negativa.

Gestire i pazienti nel modo sbagliato può produrre esattamente lo stesso effetto.

Il paziente in convenzione non è un paziente di serie B.

Il punto tre, gestirli in orari comodi per lo studio, mi trova d’accordo.

.

.

.

Come io gestisco le convezioni odontoiatriche

La mia gestione è molto semplice e si basa su quattro parametri assolutamente oggettivi:

  1. Il target di pazientela e l’ente/assicurazione con cui convenzionarsi;
  2. Il margine di contribuzione;
  3. Il livello di saturazione della poltrona;
  4. La tua bravura nel convertire un paziente in convezione in un tuo paziente.

Ogni studio ha un tipo di clientela.

Lo studio dei Parioli o del quartiere Prati avranno sicuramente un target medio.-alto
mentre quello di Centocelle, ex borgata romana avrà un pazientela abbastanza trasversale
ma tendente a ceti medio-bassi.

E come ci sono le differenti pazientele ci sono anche le convenzioni.

Alcune si rivolgono ad un pubblico e altre ad un altro. Tutto qua.

.

.

.

Il margine di contribuzione è quel dato che ti permette di sapere quanto l’importo
di una prestazione ti aiuta o meno a coprire i costi fissi.

Potresti trovarti a scoprire che, pur erogando una prestazione ad un costo molto minore
rispetto al tuo normale listino, questa ti aiuta comunque a coprire i costi fissi di struttura: mutui, locazioni, stipendi, etc…

.

.

.

Questo dato si collega a quella che è la saturazione delle tue poltrone.

E’ palese che se hai le poltrone sature avere delle convenzioni non ti serve a nulla e,
in alcuni casi, potrebbe fare più danno che altro.

Ma se le poltrone non sono sature, hai tempo e devi coprire i costi fissi potrebbero essere,
anche momentaneamente, un ottimo supporto.

.

.

.

Il quarto e ultimo punto è dedicato al marketing. Alla comunicazione.

A quanto sei bravo a venderti, dimostrare valore, convertire e fidelizzare il paziente in convenzione.

Ti ricordi l’esempio del ristoratore di Castel Gandolfo? Bene, fai l’opposto!

Conosco tante persone che sono entrate all’interno di uno studio con la convenzione
e ci sono rimaste nonostante non ci fossero più.

Il settore sanitario da questo punto di vista è molto più avvantaggiato di altri.

E’ un settore dove le emozioni e la fiducia sono fondamentali per la buona riuscita dell’impresa.

Se saprai gestirle al meglio, senza ombra di dubbio sei destinato al successo.

.

.

.

Conclusioni finali

Bene, spero con questo articoli di averti dato degli utili spunti su come introdurre, se ancora
non le hai, o gestire, se già ci lavori, le convenzioni all’interno del tuo studio.

Scarica l'estratto del mio libro!

IL MIO NUOVO LIBRO

LA GESTIONE STRATEGICA
DELLA PRIMA VISITA ODONTOIATRICA

MARKETING, COMUNICAZIONE, BRANDING E DIVISE PER IL TUO STUDIO ODONTOIATRICO

MARKETING, COMUNICAZIONE, BRANDING E DIVISE PER IL TUO STUDIO ODONTOIATRICO

La segreteria è il primo punto di contatto con il paziente in prima visita e come tale dovrebbe essere gestita in maniera impeccabile.

Tutti sappiamo recitare a memoria il vecchio adagio “non c’è una seconda opportunità per fare una buona prima impressione” ma quanti lo mettono realmente in pratica nel quotidiano?

Questo è il tipico esempio di cosa sappiamo essere giusto e cosa invece mettiamo in pratica tutti i giorni per fare in modo che un mantra così potente diventi un modo di essere, pensare e un’abitudine consolidata.

Oggi ti parlerò delle divise e dell’importanza strategica nella gestione del tuo personal branding.

[CONTINUA SUL BLOG]

I 4 PUNTI CARDINALI DELLA PRIMA VISITA ODONTOIATRICA

I 4 PUNTI CARDINALI DELLA PRIMA VISITA ODONTOIATRICA

Ci sono quattro fasi per la gestione ottimale di ogni trattativa e quindi, di conseguenza, anche della prima visita:

1. la fase empatica,
2. quella di indagine o esplorativa,
3. la creazione della proposta,
4. e in ultimo, la fase di chiusura.

Ognuna di queste fasi è propedeutica alla successiva.
Non rispettarle ti farà sprecare molte risorse.

Se le sai utilizzare il cerchio NON si chiude.
[CONTINUA SUL BLOG]

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE IN PRIMA VISITA: COME RINNOVARSI E PROSPERARE.

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE IN PRIMA VISITA: COME RINNOVARSI E PROSPERARE.

L’importanza del passaggio generazionale va oltre la semplice successione nelle posizioni lavorative.

Rappresenta un’opportunità per rinnovare e arricchire il settore con nuove idee, approcci e modalità di cura che possano rispondere meglio alle esigenze di una società in continua evoluzione.

Affrontare con successo questa transizione è cruciale per assicurare la resilienza e la vitalità del tuo studio odontoiatrico nel lungo termine.

[CONTINUA SUL BLOG]

LE 4 CARATTERISTICHE FONDAMENTALI PER UN PREVENTIVO ODONTOIATRICO EFFICACE.

LE 4 CARATTERISTICHE FONDAMENTALI PER UN PREVENTIVO ODONTOIATRICO EFFICACE.

La fiducia è cruciale per il successo della tua prima visita.

Un preventivo ben pensato è un generatore di fiducia.
Uno dei tanti.

Per compiere fino in fondo il suo mestiere deve avere determinati attributi.

Quattro solo le caratteristiche fondamentali per raggiungere questo scopo: completezza, leggibilità, comprensione, trasparenza.

La mancanza di uno di questi elementi compromette la fiducia del cliente e, di conseguenza, la possibile chiusura di un accordo.

[CONTINUA SUL BLOG]

COME UN DIAMANTE: LAVORA SUI PARTICOLARI PER RENDERE LA COMUNICAZIONE DEL TUO STUDIO ODONTOIATRICO UNICA E PREZIOSA.

COME UN DIAMANTE: LAVORA SUI PARTICOLARI PER RENDERE LA COMUNICAZIONE DEL TUO STUDIO ODONTOIATRICO UNICA E PREZIOSA.

Parla di loro e ti ascolteranno.

Esponi i benefici che ne trarranno e avrai la loro attenzione.

Dagli una valida motivazione e ti seguiranno.

Il senso è quello di essere utili agli altri mantenendo il focus su un’attività fondamentale per uno studio odontoiatrico, professionista o azienda: avere una comunicazione costante che faccia in modo che noi saremo sempre presenti nella mente di quelle persone e, soprattutto, che gli siamo utili.

Trasforma i tuoi messaggi di Buon Natale in una serie di consigli utili da inviare per affrontare le prossime festività.

[CONTINUA SUL BLOG]

CAPITANI E GREGARI: COME L’EXTRA CLINICA VALORIZZA E PORTA AL SUCCESSO LA CLINICA IN PRIMA VISITA

CAPITANI E GREGARI: COME L’EXTRA CLINICA VALORIZZA E PORTA AL SUCCESSO LA CLINICA IN PRIMA VISITA

Il lavoro che svolge la segreteria nelle fasi iniziali è propedeutico alla visita clinica.

E’ un pò come nel ciclismo dove c’è il capitano e ci sono i gregari.
Il gregario è una figura fondamentale per il successo del capitano.

Su quei preventivi firmati non c’è il nome di chi ha accolto il paziente o presentato il preventivo, tuttavia queste persone concorrono fortemente al successo dello studio.
Aiutano il capitano a vincere la gara.

Gli passano le borracce d’acqua, si frappongono tra lui e un avversario per creargli un vantaggio, gli permettono di riposare quando necessario.

Un ottimo gregario sarà la fortuna del suo capitano.
Nella prima visita non è diverso, anzi.
[CONTINUA SUL BLOG]

I FONDAMENTALI DELLA TUA PRIMA VISITA ODONTOIATRICA: GLI ACCORDI ECONOMICI

I FONDAMENTALI DELLA TUA PRIMA VISITA ODONTOIATRICA: GLI ACCORDI ECONOMICI

Lavorare sui fondamentali è uno dei segreti (di Pulcinella) per ottenere un livello qualitativo elevato e, come conseguenza naturale, acquisire un numero sempre maggiore di pazienti in prima visita.

Il problema è che, a volte, ci perdiamo nelle basi.
Sembra quasi che siamo più concentrati sulle cose superflue, secondarie,
piuttosto che sul consolidare delle solide basi.

Ne parlo nel mio articolo.
[CONTINUA SUL BLOG]

NEWSLETTER

Prendi gratis quello che gli altri ti fanno pagare!

Un’email a settimana in cui ti informo e ti aggiorno su tematiche come l’organizzazione, la comunicazione e il controllo di gestione della tua prima visita, per riuscire ad ottenere sempre il massimo.

Ritrova il tuo percorso

Prenota la tua consulenza

o scrivimi per avere informazioni

Lascia i tuoi dati, verrai ricontattato presto.

TESTIMONIANZE CONSULENZA TOSHIRO SAVOIA - REMIX

TESTIMONIANZE CONSULENZA TOSHIRO SAVOIA - REMIX

error: Content is protected !!