Scopri come il Whole Brain Model di Ned Herrmann può aiutare gli odontoiatri a comprendere il comportamento dei pazienti in prima visita negli studi odontoiatrici e come può migliorare l'esperienza dei pazienti e aumentare il fatturato.
9 Giugno 2023

WHOLE BRAIN MODEL: COMPRENDERE IL COMPORTAMENTO DEI PAZIENTI IN PRIMA VISITA NEGLI STUDI ODONTOIATRICI

Scopri come il Whole Brain Model di Ned Herrmann può aiutarti a comprendere il comportamento dei pazienti in prima visita nel tuo studio odontoiatrico e come può migliorare l'esperienza dei…

 

Se il solo strumento che possiedi è un martello,
vedrai in ogni problema un chiodo.

Così diceva Abraham Maslow 

Il che è vero.

Allarghiamo il nostro orizzonte e, come sempre, caliamo questa massima su quella che è la nostra quotidianità lavorativa e, nello specifico, in prima visita.

Nell’erogazione di questa prestazione è naturale trovarsi a dover interagire con differenti tipologie di persone.

Come ben saprai, ognuna di queste ha esigenze, aspettative e motivazioni differenti.

Hanno anche qualcos’altro di molto diverso tra loro, il modo di acquisire e apprendere le informazioni che ricevono.

Questo aspetto lo dovresti conoscere e, soprattutto, ne dovresti tener conto, diversamente, anche tu stai usando un martello quando sarebbe opportuno usare una chiave inglese o un cacciavite.

Spesso si guardano le statistiche delle prime visite senza sapere quali possono essere le reali soluzioni per migliorarle; è raro che un’unica problematica ci porti ad avere prestazioni scadenti o sotto le nostre aspettative; molto più di frequente sono una serie di fattori, micro e macro, che devono essere affrontati e migliorati. Uno di questi è sicuramente il modo in cui comunichiamo con i pazienti.

Ma torniamo al punto. La quasi totalità delle persone che si trovano a gestire la prima visita, che sia il medico, l’office manager o la segretaria, ha un suo modus operandi, identico per tutti i pazienti; un modello che negli anni, nel bene e nel male (solo le statistiche potranno dirci) gli ha permesso di portare a casa dei risultati.

Ora la domanda è: ma se tu usassi dei modelli differenti rispetto al tipo di paziente con cui ti trovi ad interagire quotidianamente, i risultati potrebbero migliorare?

La domanda è retorica; la risposta è: assolutamente sì.

Ognuno di noi ha un modo diverso di acquisire le informazioni ed elaborarle.

Quando i pazienti si presentano per la prima volta nel tuo studio odontoiatrico possono manifestare una vasta gamma di comportamenti e reazioni. Per comprendere meglio le loro esigenze e fornire un trattamento personalizzato, tra le altre cose, puoi fare affidamento sul Whole Brain Model sviluppato da Ned Herrmann. Questo modello offre una prospettiva approfondita sui diversi stili di pensiero e le preferenze cognitive dei pazienti, consentendoti di adattare la tua interazione e il tipo di strategia di comunicazione. In questo articolo, esploreremo come il Whole Brain Model può essere applicato nel tuo odontoiatrico e come utilizzarlo per ottimizzare l’esperienza dei pazienti.

COMPRENDERE IL WHOLE BRAIN MODEL

Il Whole Brain Model di Ned Herrmann si basa sull’idea che il cervello umano può essere suddiviso in quattro aree principali, ciascuna delle quali rappresenta un diverso stile di pensiero: A (analitico), B (pratico/sintetico), C (relazionale/emozionale) e D (intuitivo/sperimentale).

Ogni individuo presenta una combinazione unica di questi stili di pensiero, che influenzano il suo comportamento e le sue preferenze.

Per quello che mi riguarda, nel mio libro, ho scelto di attribuire a queste quattro categorie delle figure che potessero richiamare le caratteristiche salienti e, al tempo stesso, formare un’immagine nella nostra mente.

Ed ecco che l’analitico diventerà “l’ingegnere”, il pratico “il comandante”, il relazionale “l’amico di famiglia” e l’intuitivo “l’attore”.

APPLICAZIONE DEL MODELLO NEL TUO STUDIO ODONTOIATRICO

Puoi utilizzare il Whole Brain Model per adattare la tua comunicazione e il tuo approccio in base al profilo cognitivo dei pazienti. Ad esempio, i pazienti con una preferenza per lo stile di pensiero A potrebbero essere interessati a una spiegazione dettagliata dei trattamenti e dei rischi associati. D’altra parte, i pazienti con una preferenza per lo stile di pensiero C potrebbero apprezzare una comunicazione più empatica e orientata alle relazioni.

UN ESEMPIO PRATICO SULL’APPLICAZIONE DEL WHOLE BRAIN MODEL

Vediamo un esempio pratico di come dovrebbe essere diversa la gestione della comunicazione con i pazienti rispetto al loro modello di riferimento. Questa che seguirà è una simulazione della presentazione di un preventivo rispetto a due dei quattro profili.

Paziente di tipo Analitico (Ingegnere)

“Sig. Bianchi, ho preparato il suo preventivo di spesa e ci terrei particolarmente a fornirle una spiegazione dettagliata. Leggiamo insieme l’elenco completo delle prestazioni necessarie per riabilitare la sua salute orale; nel farlo le fornirò per ognuna di queste voci con una descrizione accurata di ogni procedura.

Posso anche fornirle evidenze scientifiche sulle migliori pratiche e sui materiali utilizzati. In questo modo, avrà una comprensione approfondita di ogni aspetto del trattamento e potrà prendere una decisione informata.”

In questo caso, quello ho fatto è creare una presentazione dettagliata, mettendomi a disposizione per eventuali domande di approfondimento e, al tempo stesso, anticipandole fornendo dettagli tecnici e supporti di evidenze scientifiche, che sono certo che lo stile analitico apprezza.

Paziente di tipo Pratico (Comandante)

“Sig. Bianchi, ho stilato per lei un preventivo di spesa che si concentra sull’aspetto pratico e sull’efficacia delle prestazioni necessarie. Ho incluso una panoramica delle procedure coinvolte, dei tempi di trattamento stimati e dei costi associati. Posso anche fornirle esempi di casi simili a quello suo e dei risultati che abbiamo ottenuto. In questo modo, potrà avere una visione chiara del percorso di cura e delle opzioni più convenienti per ottenere i risultati desiderati.”

Sono sicuro che avrai notato che in questo caso ho reso diretta la correlazione tra il problema sentito dal paziente e la soluzione che gli sto offendo.

In ultimo, ti propongo un’ulteriore riflessione sui differenti stili. Se adotti una presentazione analitica con un paziente che ha uno stile differente molto probabilmente lo annoierai e perderai la sua attenzione (cosa per noi importantissima); all’opposto se adotterai una presentazione sintetica con una persona analitica potresti risultare superficiale (chi vorrebbe mai farsi curare da una persona superficiale?).

DIFFERENTI STILI, DIFFERENTI APPROCCI

Questi esempi illustrano come l’approccio personalizzato basato sul Whole Brain Model possa essere adattato per soddisfare le preferenze di ciascun stile di pensiero. È importante ricordare che ogni paziente può avere influenze da più stili anche se, al tempo stesso, ne esiste uno predominante; il tuo compito è cercare di capire quale dei quattro è più attinente alla persona con cui stai dialogando; quindi, è necessario adottare un approccio comunicativo flessibile e adattabile per creare un’esperienza personalizzata e soddisfacente.

E’ anche utile ricordare che, rispetto al tipo di stile predominante, diverse potrebbero essere le aspettative e obiezioni del paziente.

MIGLIORARE L’ESPERIENZA DEI PAZIENTI

L’utilizzo del Whole Brain Model può contribuire a migliorare l’esperienza complessiva delle persone nel tuo studio odontoiatrico. Comunicare in modo efficace con i pazienti, tenendo conto dei loro stili di pensiero dominanti, può ridurre l’ansia e l’incertezza, aumentando la fiducia nei tuoi confronti e nel trattamento proposto. Puoi personalizzare l’ambiente dello studio e le modalità di interazione per soddisfare le loro preferenze, creando un’atmosfera confortevole e accogliente.

OTTIMIZZARE L’EFFICACIA DEI TRATTAMENTI

Comprendere il profilo cognitivo dei pazienti ti può anche consentire di personalizzare i trattamenti in base alle loro preferenze; ad esempio, quelli con uno stile di pensiero dominante D potrebbero rispondere meglio a spiegazioni intuitive e a metodi di trattamento innovativi.

Utilizzando il Whole Brain Model puoi sviluppare piani di trattamento più mirati e adattati alle esigenze specifiche della persona.

AUMENTARE LE PRESTAZIONI DEL TUO STUDIO ODONTOIATRICO

Last but not least, ricordati che il buon lavoro eseguito all’interno del tuo studio odontoiatrico ha come conseguenza naturale la soddisfazione dei pazienti che si tramuta in un maggior numero di preventivi accettati e una loro maggiore qualità, basti pensare all’importo medio di accettazione (ti accettato anche quelli con importi più elevati) e ad un naturale passaparola spontaneo o stimolato che avrà come conseguenza ultima l’incremento del fatturato del tuo studio.

Prima di lasciarci ti racconto questa: l’altro giorno ho visto su Amazon Prime il film “AIR – La storia del grande salto” che racconta come la Nike sia riuscita ad ingaggiare Michael Jordan (ps. se non l’hai ancora visto e ti piacciono i film di questo genere guardalo, è molto bello).

All’interno del film vengono dispensati i Comandamenti del Manifesto della Nike che sono riusciti a renderla quella che è: un’azienda di grande successo planetario.

Il numero 10 (ultimo come nei Comandamenti biblici) recita che:

“Se facciamo le cose giuste, i soldi verranno in automatico”

E allora, dico io, facciamole queste cose!

CONCLUSIONI

Il Whole Brain Model di Ned Herrmann ti offre uno strumento potente per comprendere il comportamento dei pazienti in prima visita. Applicando questo modello potrai personalizzare la tua interazione, migliorare l’esperienza dei pazienti, ottimizzare l’efficacia dei trattamenti e aumentare il tuo fatturato.

Investire nella comprensione dei diversi stili di pensiero dei pazienti può portare a risultati più soddisfacenti per entrambe le parti coinvolte.

COMPITI PER CASA

Oggi stesso inizia a guardare (e ascoltare) i pazienti che verranno in prima visita in modo diverso: le domande che ti fanno, le esigenze che hanno e, sulla base di questo, pensa ai quattro stili di cui ti ho parlato in questo articolo e collocali in uno di questi.

Buon lavoro e un caro saluto.

Toshiro

IL MIO NUOVO LIBRO

LA GESTIONE STRATEGICA
DELLA PRIMA VISITA ODONTOIATRICA

CLICCA QUI E OTTIENI
L’ESTRATTO DEL LIBRO

COME UN DIAMANTE: LAVORA SUI PARTICOLARI PER RENDERE LA COMUNICAZIONE DEL TUO STUDIO ODONTOIATRICO UNICA E PREZIOSA.

COME UN DIAMANTE: LAVORA SUI PARTICOLARI PER RENDERE LA COMUNICAZIONE DEL TUO STUDIO ODONTOIATRICO UNICA E PREZIOSA.

Parla di loro e ti ascolteranno.

Esponi i benefici che ne trarranno e avrai la loro attenzione.

Dagli una valida motivazione e ti seguiranno.

Il senso è quello di essere utili agli altri mantenendo il focus su un’attività fondamentale per uno studio odontoiatrico, professionista o azienda: avere una comunicazione costante che faccia in modo che noi saremo sempre presenti nella mente di quelle persone e, soprattutto, che gli siamo utili.

Trasforma i tuoi messaggi di Buon Natale in una serie di consigli utili da inviare per affrontare le prossime festività.

[CONTINUA SUL BLOG]

CAPITANI E GREGARI: COME L’EXTRA CLINICA VALORIZZA E PORTA AL SUCCESSO LA CLINICA IN PRIMA VISITA

CAPITANI E GREGARI: COME L’EXTRA CLINICA VALORIZZA E PORTA AL SUCCESSO LA CLINICA IN PRIMA VISITA

Il lavoro che svolge la segreteria nelle fasi iniziali è propedeutico alla visita clinica.

E’ un pò come nel ciclismo dove c’è il capitano e ci sono i gregari.
Il gregario è una figura fondamentale per il successo del capitano.

Su quei preventivi firmati non c’è il nome di chi ha accolto il paziente o presentato il preventivo, tuttavia queste persone concorrono fortemente al successo dello studio.
Aiutano il capitano a vincere la gara.

Gli passano le borracce d’acqua, si frappongono tra lui e un avversario per creargli un vantaggio, gli permettono di riposare quando necessario.

Un ottimo gregario sarà la fortuna del suo capitano.
Nella prima visita non è diverso, anzi.
[CONTINUA SUL BLOG]

I FONDAMENTALI DELLA TUA PRIMA VISITA ODONTOIATRICA: GLI ACCORDI ECONOMICI

I FONDAMENTALI DELLA TUA PRIMA VISITA ODONTOIATRICA: GLI ACCORDI ECONOMICI

Lavorare sui fondamentali è uno dei segreti (di Pulcinella) per ottenere un livello qualitativo elevato e, come conseguenza naturale, acquisire un numero sempre maggiore di pazienti in prima visita.

Il problema è che, a volte, ci perdiamo nelle basi.
Sembra quasi che siamo più concentrati sulle cose superflue, secondarie,
piuttosto che sul consolidare delle solide basi.

Ne parlo nel mio articolo.
[CONTINUA SUL BLOG]

AL BAR DEL PAESE – STRATEGIE DA APPLICARE NEL TUO STUDIO ODONTOIATRICO PER OTTENERE PAZIENTI MIGLIORI

AL BAR DEL PAESE – STRATEGIE DA APPLICARE NEL TUO STUDIO ODONTOIATRICO PER OTTENERE PAZIENTI MIGLIORI

In ogni paese o quartiere c’è sempre il bar di riferimento.
In ogni luogo esiste quello “figo”.
In ogni città, paese o zona è facile trovare diversi bar.
Ognuno di questi ha la propria clientela.
Ognuno di questi, se ben ci pensi, ha una proposta precisa
che ha fatto in modo che si formasse la clientela che ora lo frequenta.
Quello degli aperitivi, proprio in virtù della sua caratteristica peculiare, ha un’impostazione precisa sia nella proposta: 10 euro a persona, drink e buffet compreso, dalle 18 alle 21.
Poi c’è il bar bello, quello con la clientela migliore.
Cosa ha fatto per arrivare a questo risultato?
E cosa potresti fare per ottenere lo stesso per il tuo studio odontoiatrico?
[CONTINUA SUL BLOG]

LA PRIMA VISITA E’ UN GIOCO DI CENTIMETRI

LA PRIMA VISITA E’ UN GIOCO DI CENTIMETRI

La prima visita è un gioco di centimetri, e questi centimetri stanno dappertutto.
Sono disseminati in tutto il percorso.
Sta solo a te coglierli.

La prima visita dura una manciata di minuti in cui si decide tutto.
E’ un lavoro di squadra dove ognuno di noi deve cercare di dare il meglio.
Dove ognuno, rispetto al suo ruolo, dovrebbe avere il compito e l’obiettivo
di conquistare dei centimetri.

Il tempo della prima visita è definito e dobbiamo giocarci tutto in quei pochi minuti.
Non c’è una seconda opportunità.

Il tempo e l’esperienza mi ha fatto capire che la prima visita è una questione di centimetri.
Non c’è quasi mai l’unico grande colpo, ma ci sono una serie infinita di piccole conquiste.
Una dopo l’altra, un pezzo alla volta.
[CONTINUA SUL BLOG]

REGOLE, ASPETTATIVE E PROMESSE DELLA TUA PRIMA VISITA ODONTOIATRICA

REGOLE, ASPETTATIVE E PROMESSE DELLA TUA PRIMA VISITA ODONTOIATRICA

Sei hai delle pretese, devi essere anche in grado di sostenere
le aspettative che queste creeranno.

Di cosa ti parlerò in questo mio nuovo articolo:

delle aspettative che ognuno di noi nutre,
delle promesse che ci vengono fatte,
della “delivery” di un prodotto o servizio,
di strategie di scrematura dei potenziali clienti/pazienti,
alcune mie considerazioni e punti di vista sui vari punti.

Più barriere crei maggiori saranno le aspettative.

[CONTINUA SUL BLOG]

NEWSLETTER

Prendi gratis quello che gli altri ti fanno pagare!

Un’email a settimana in cui ti informo e ti aggiorno su tematiche come l’organizzazione, la comunicazione e il controllo di gestione della tua prima visita, per riuscire ad ottenere sempre il massimo.

Ritrova il tuo percorso

Prenota la tua consulenza

o scrivimi per avere informazioni

Lascia i tuoi dati, verrai ricontattato presto.

TESTIMONIANZE CONSULENZA TOSHIRO SAVOIA - REMIX

TESTIMONIANZE CONSULENZA TOSHIRO SAVOIA - REMIX