Privacy Policy

Come ti senti quando il paziente ti dice che ci deve pensare?

Io personalmente mi sentivo, soprattutto se la visita era stata lunga
e il preventivo era corposo, affranto, stanco e senza energie.

Avevo investito talmente tanto in quella presentazione che sentirmi dire
così mi lasciava senza parole.

All’inizio, ingenuamente, credevo che il paziente ci dovesse realmente pensare
e nutrivo la speranza che, prima o poi avrebbe accettato il preventivo proposto.

Ma questo, ho scoperto sulla mia pelle, avveniva raramente.

Il più delle volte era solo un modo gentile per defilarsi.

Statistiche alla mano, fatto 100 dei preventivi in stand by da gestire solo un 3, 5% sarà convertito in accettato, nella maggior parte dei casi rifiutano, non si faranno sentire, quando li chiami non ti rispondono, ti rimbalzano continuamente e, a volte, ti bloccano!

Altra statistica che sono sicuro anche tu potrai confermare, quasi nessuno ti dice in faccia che che non accetta, o rifiuta, il preventivo che gli stai proponendo.

E’ raro che qualcuno lo faccia perché tendenzialmente le persone non amano i contrasti e cercano di evitarli in tutti i modi.

E’ proprio per questo che diventa fondamentale riconoscere e saper gestire le obiezioni dei pazienti, diversamente quando andrai a fare le statistiche dei preventivi presentati
nel tuo studio noterai un numero cospicuo di preventivi in stand by.

Che fine fanno te l’ho già detto…

Di questo e di tanto altro parlo nel webinar in collaborazione con XDent.

Cliccando su questa immagine puoi vedere un breve video di presentazione
in cui ti parlo proprio di obiezioni.

Cliccando sull’immagine qui sotto invece potrai iscriverti al webinar.

Con la partecipazione avrai in regalo il mio super e-book in cui ti racconto
come gestisco il percorso di prima visita in tutti i suoi passaggi essenziali.

A cosa sto attento e alcuni strumenti che uso da anni per la sua gestione.

Ti aspetto Martedì 23 Febbraio alle 12.30.

Ti auguro una splendida giornata!
Toshiro

isciriviti alla newsletter per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: I contenuti di questo sito sono coperti da copyright.
Cookie Policy